Comune di Cagliari
 Provincia di Cagliari
 Regione Sardegna

 
Vai al Sito dell’ AICC

Associazione Italiana di Cultura Classica

Sezione internazionale
Cambridge
Scuola amica
La ricerca
Piano nazionale
Scuola digitale
Bisogni educativi speciali
 Inclusione scolastica

I Redaettori
Clicca e vai al blog I Redaettori

Blog degli studenti
del Liceo Dettori

TAG:
Ultimo sondaggio:

 

Chi pubblica nel Sito


Vedi i docenti e non docenti che possono (in quanto vogliono) pubblicare sul sito web del

Liceo Classico Dettori

Il nostro canale video
Tutti i Video sul nostro canale youtube

Progetti PON 2014-2020
PON

Registro Alunni e Famiglie
Apri il registro elettronico

Registro on line Docenti
Apri il registro elettronico

Condividi sui social

Aree Riservate Docenti


Accedi

~ Area Riservata Docenti
~ Area Discussioni Docenti

 

 

Icone utili alla navigazione
Dirigente Dirigente Scolastico
Circolari  Circolari
  Amministraz. trasparente
  Albo pretorio (albo on line)
 Altre notizie dalla segreteria
  Orario delle lezioni
  Info sindacali

Informazione amministrativa

La Segreteria pubblica autonomamente nelle sezioni

Circolari
Segreteria
Albo pretorio
Amministrazione
trasparente

Indirizzo email capc03000v@istruzione.it

Discussioni
Questioni, opinioni e problemi scolastici
Questioni, opinioni, problemi

Notizie
Circolari
Studenti
Minitutorial
Mediateca del Dettori
Rapporti scuola famiglia
Liceo Dettori: storia luoghi persone
Commissione Biblioteca
Accounts al sito
Orario segreteria
Orario delle lezioni
Discipline
Scienze
Religione
Storia dell’arte
Filosofia e storia
Educazione fisica
Lingua straniera
Lettere ginnasio
Latino e greco
Matematica
Italiano
Fisica


Il docente meritevole .. meditate gente, meditate

 

Un articolo tratto dalla Tecnica della Scuola, scritto da Lucio Ficara, che deve farci riflettere su ciò che sta avvenendo nella Scuola da qualche anno a questa parte.

 

Qual è l’identikit del docente meritevole?

Il Piano "Buona Scuola" sembra delineare una tipologia di "insegnante meritevole" legata più alla quantità del lavoro svolto che non alla qualità. La didattica potrebbe risentirne pesantemente

Il concetto di merito professionale degli insegnanti corre sul filo della massima soggettività, ognuno di noi, a seconda del proprio modo di valutare, ha un metro valutativo personalizzato. Quindi fare un identikit preciso di cosa si intenda per docente meritevole, diventa, proprio per l’estrema soggettività del modo di valutare, un compito veramente arduo se non addirittura impossibile. 

Eppure dalle linee guida della riforma della scuola, pubblicate dal governo Renzi il 3 settembre 2014, sembrerebbe esistere già l’identikit del  docente meritevole. Chi sarebbe costui? È quel docente che si presterà a svolgere diversi compiti a scuola oltre le canoniche ore di lezione in classe. Chi sarà disponibile, oltre l’orario di servizio svolto nelle proprie classi, a svolgere corsi di recupero, di approfondimento o sarà disponibile a sostituire i docenti assenti, senza alcuna retribuzione aggiuntiva sarò considerato meritevole di ricevere qualche credito didattico. 
Chi sarà disponibile a seguire corsi di formazione e aggiornamento, avrà in cambio qualche credito formativo, chi dedicherà del tempo all’organizzazione del lavoro riceverà in premio i cosiddetti crediti professionali. 
La raccolta triennale di questi crediti didattici, formativi e professionali, servirà, come è scritto nel patto educativo tra Renzi e la scuola,  a far uscire i docenti dal “grigiore” dei trattamenti indifferenziati. Quindi la quantità di tempo dedicata a permanere a scuola è condizione necessaria per essere considerato tra i papabili meritevoli. Per cui tutti quei docenti che svolgono perfettamente il loro lavoro in classe e vorrebbero continuare a farlo, passando i loro pomeriggi a preparare lezioni e correggere compiti, pagheranno un trattamento “differenziato” di chi non vuole rendersi disponibile per altre funzioni aggiuntive all’insegnamento curriculare. L’equazione che si vorrebbe porre è: vuoi fare il docente curricolare nelle tue classi e prepararti le tue belle lezioni ed onorare la tua programmazione didattica nella piena libertà d’insegnamento? Allora non potrai rientrare tra i meritevoli in quanto non ti verranno assegnati crediti. Ma allora non si vuole premiare la buona didattica curricolare, fatta di studio, programmazione, e serietà professionale, ma piuttosto si vuole creare una competizione al ribasso fatta di disponibilità a svolgere le mansioni più disparate. 
Se così fosse, si andrebbe a premiare la quantità e non la qualità del lavoro. Si cerca di creare la competizione a dare la propria  disponibilità ad essere utilizzati per tenere aperte le scuole anche il pomeriggio e farle funzionare per tutte le attività extra-curricolari. In buona sostanza questo metodo di valutare il merito, sarebbe fortemente sbilanciato verso quei docenti che non amano la didattica da svolgere in classe, ma amano progettare, fare corsi e corsetti, seguire tutti gli aggiornamenti possibili e immaginabili, andare a tutti i viaggi d’istruzione che si svolgono durante l’anno scolastico, quelli che oggi fuggono dalle classi per svolgere , con il bene placito del dirigente scolastico, le collaborazioni di direzione di ogni natura.
Andiamoci piano con questa tipologia di merito e teniamo conto che il docente meritevole è principalmente colui che svolge bene il suo curricolare e per svolgere al meglio il proprio dovere, rifiuta altri compiti perché incompatibili con la delicata funzione docente.

  Lino Talloru lt 

Vai anche alla pagina:

Discussioni
Opinioni
Problemi
Questioni scolastiche

 




Tag: opinioni - problemi - questioni scolastiche -






 Scrivi alla Redazione  Versione stampabile  Invia questa pagina