Comune di Cagliari
 Provincia di Cagliari
 Regione Sardegna

 
Vai al Sito dell’ AICC

Associazione Italiana di Cultura Classica

Sezione internazionale
Cambridge
Scuola amica
La ricerca
Piano nazionale
Scuola digitale
Bisogni educativi speciali
 Inclusione scolastica

I Redaettori
Clicca e vai al blog I Redaettori

Blog degli studenti
del Liceo Dettori

TAG:
Ultimo sondaggio:


Informazioni sui
Corsi di Recupero

Il nostro canale video
Tutti i Video sul nostro canale youtube

Chi pubblica nel Sito


Vedi i docenti e non docenti che possono (in quanto vogliono) pubblicare sul sito web del

Liceo Classico Dettori

Registro Alunni e Famiglie
Apri il registro elettronico

Registro on line Docenti
Apri il registro elettronico

Condividi sui social

Aree Riservate Docenti


Accedi

~ Area Riservata Docenti
~ Area Discussioni Docenti

 

 

Icone utili alla navigazione
Dirigente Dirigente Scolastico
Circolari  Circolari
  Amministraz. trasparente
  Albo pretorio (albo on line)
 Altre notizie dalla segreteria
  Orario delle lezioni
  Info sindacali

Informazione amministrativa

La Segreteria pubblica autonomamente nelle sezioni

Circolari
Segreteria
Albo pretorio
Amministrazione
trasparente

Indirizzo email capc03000v@istruzione.it

Discussioni
Questioni, opinioni e problemi scolastici
Questioni, opinioni, problemi

Notizie
Circolari
Studenti
Minitutorial
Mediateca del Dettori
Rapporti scuola famiglia
Liceo Dettori: storia luoghi persone
Commissione Biblioteca
Accounts al sito
Orario segreteria
Orario delle lezioni
Discipline
Scienze
Religione
Storia dell’arte
Filosofia e storia
Educazione fisica
Lingua straniera
Lettere ginnasio
Latino e greco
Matematica
Italiano
Fisica

Docenti
Tutti i docenti
Laboratori attività
Coordinatori didattici
Commissioni di Istituto
Referenti di dipartimento
Elenco docenti per materie



La Crusca boccia il CLIL

da tuttoscuola.com

La Crusca boccia il CLIL

Il CLIL (Content and Language Integrated Learning), cioè l’insegnamento in una lingua straniera – di fatto l’inglese – di una materia non linguistica (due nei licei linguistici), fa il suo debutto quest’anno nelle quinte classi dei licei e degli istituti tecnici secondo quanto previsto dai DPR n. 88 e 89 del 2010, attuativi della riforma Gelmini della scuola secondaria di secondo grado.

La normativa non è stata modificata dai tre governi e ministri della PI (Profumo, Carrozza, Giannini) che si sono succeduti dopo l’uscita da viale Trastevere di Mariastella Gelmini, e dovrebbe essere pienamente operativa dall’anno scolastico corrente. Dovrebbe, perché le difficoltà pratiche sono note, e nel frattempo si sono levate molte voci critiche non solo sulla fattibilità del CLIL ma anche sulla sua utilità nella scuola secondaria. Voci non ascoltate dai tre ministri-rettori (di cui due di formazione tecnico-scientifica, con vasta esperienza internazionale in ambienti anglofoni e uno, la Giannini, linguista e rettore dell’università per stranieri…), ma che ora tornano con forza a farsi sentire.

Per esempio quella dell’Accademia della Crusca, massima autorità linguistica del nostro Paese, il cui presidente Claudio Marazzini, ampiamente ripreso da Paolo Di Stefano nel supplemento domenicale ‘La lettura’ del Corriere della Sera (5 ottobre) sostiene che “Indebolire l’insegnamento disciplinare, lasciando credere che così si impara l’inglese ‘passaporto per il mondo’ è un errore grave che rischia di compromettere la competenza solida nei contenuti, quella che ha permesso tutto sommato in questi anni la cosiddetta ‘fuga o esportazione dei cervelli’. Se quei cervelli hanno trovato ospitalità altrove, non è per i loro meriti nella conoscenza dell’inglese, ma semmai per la capacità dimostrata nelle varie discipline che professavano”.

Ci sembra che lo studioso abbia qualche ragione: quali vantaggi ci sarebbero nell’insegnare e apprendere materie come storia dell’arte o filosofia o per assurdo lo stesso italiano in inglese? Caso mai andrebbe rafforzata la lingua nazionale, anzi ‘ufficiale’ del nostro Paese, l’italiano. Numerosi studi dimostrano che il saldo possesso della lingua materna condiziona anche la qualità dell’apprendimento delle altre discipline, comprese quelle scientifiche e le stesse lingue straniere.

Intanto, come misura d’urgenza, si potrebbe restringere il CLIL a un numero ben definito di materie tecniche dove l’uso dell’inglese è dominante a livello internazionale. Sempre che il relativo docente padroneggi l’inglese – se non perfettamente come sarebbe doveroso – almeno un po’ più dei suoi alunni…

mcu

Vai anche alla pagina:

Discussioni
Opinioni
Problemi
Questioni scolastiche





Tag: opinioni - problemi - questioni scolastiche -






 Scrivi alla Redazione  Versione stampabile  Invia questa pagina