Comune di Cagliari
 Provincia di Cagliari
 Regione Sardegna

 
Vai al Sito dell’ AICC

Associazione Italiana di Cultura Classica

Sezione internazionale
Cambridge
Scuola amica
La ricerca
Piano nazionale
Scuola digitale
Bisogni educativi speciali
 Inclusione scolastica

I Redaettori
Clicca e vai al blog I Redaettori

Blog degli studenti
del Liceo Dettori

SPREADsx

TAG:
Sito Web circolari albo pretorio opinioni problemi questioni scolastiche centenario 1918-2018 cento anni docente di Materie Letterarie grande guerra eduscopio terze medie orientamento orientamento in uscita orientamento quinte coordinatori didattici dipartimenti disciplinari materie funzioni strumentali Discussioni Docenti bando Inps MIUR Progetti PON Unione Europea commissione web Dettori Sito Web links matematica e fisica siti web interessanti sitografia Talloru Orario nuovo ordinamento anno scolastico Casarotto colloquio III fascia Personale ATA Bardonecchia Bicicletta è Libertà Monitor 440 Programmi svolti audio ipertesti Liceo Dettori Blog educazione fisica informazioni servizi sport Comunicazione orario delle lezioni cultura documenti libri recensioni orientation camp Oristano itinerari percorsi viaggi di istruzione Elvira Cocco Concorso Twitter Fondi strutturali europei Progetti PON 2014 2020 adozioni uscite test ammissione termometri Sa Die de Sa Sardigna 1° maggio Festa dei Lavoratori 25 aprile Inclusione scolastica quinte orientamento università corso di formazione notevoli potenzialità numerosi partecipanti piattaforma Impari prof. Luciano Pes seminario introduttivo Desmos codice sorgente colori RGB Sistema numerico esadecimale Contratto di istituto A.S.2015.2016 comunicati news mobilità studentesca individuale. orientamento quinte università Offerta formativa orientamento lavoro università 12 gennaio 19 gennaio Liceo Classico Notte nazionale Open Day lavoratori della scuola conferenze letture Programma della serata asintoti obliqui disequazioni di 1° grado Divisioni tra polinomi equazioni fratte di 1° grado

Ultimo sondaggio:

 

Chi pubblica nel Sito


Vedi i docenti e non docenti che possono (in quanto vogliono) pubblicare sul sito web del

Liceo Classico Dettori

Il nostro canale video
Tutti i Video sul nostro canale youtube

Progetti PON 2014-2020
PON

Registro Alunni e Famiglie
Apri il registro elettronico

Registro on line Docenti
Apri il registro elettronico

Condividi sui social

Aree Riservate Docenti


Accedi

~ Area Riservata Docenti
~ Area Discussioni Docenti

 

 

Icone utili alla navigazione
Dirigente Dirigente Scolastico
Circolari  Circolari
  Amministraz. trasparente
  Albo pretorio (albo on line)
 Altre notizie dalla segreteria
  Orario delle lezioni
  Info sindacali

Informazione amministrativa

La Segreteria pubblica autonomamente nelle sezioni

Circolari
Segreteria
Albo pretorio
Amministrazione
trasparente

Indirizzo email capc03000v@istruzione.it

Discussioni
Questioni, opinioni e problemi scolastici
Questioni, opinioni, problemi

Notizie
Circolari
Studenti
Minitutorial
Mediateca del Dettori
Rapporti scuola famiglia
Liceo Dettori: storia luoghi persone
Commissione Biblioteca
Elenco Docenti
Accounts al sito
Orario segreteria
Orario delle lezioni
Discipline
Scienze
Religione
Storia dell’arte
Filosofia e storia
Educazione fisica
Lingua straniera
Lettere ginnasio
Latino e greco
Matematica
Italiano
Fisica


La scuola sciopera perché non è serva

 

Martedì 5 maggio la scuola statale alza la testa più compatta che mai perché non è serva.
Perché non ci sta ad essere privatizzata.
Perché continua la sua resistenza attiva contro i quiz Invalsi, funzionali alla destrutturazione cognitiva richiesta nel fast food del mercatismo globale.  
Perché tenacemente insiste ad avere l’ambizione di educare alla critica, come Costituzione comanda: scuola di democrazia, di educazione alla libertà per l’emancipazione individuale e sociale.
Una scuola assai scomoda per chi sogna “pezzi” obbedienti, funzionali ai padroni della stasi sociale, a cui la unidirezionale tratta governativa Berlusconi-Monti-Renzi, meglio di un treno italicum, tira dritto verso il funerale della scuola statale.
 
Lo sciopero l’Invalsi e la (non) “buona scuola”
A maggio nelle scuole anche l’Invalsi cerca di piantare i suoi crisantemi: i suoi contestatissimi quiz funzionali ad ingabbiare su nozioni minimali le teste dei ragazzi; perché tutto diventi un twitter-spot, che in un gioco illusionista qualcuno continua a chiamare “buona scuola”!
E se viene fischiato, come è accaduto a Bologna domenica 3 maggio cerca di far passare la sua ostinazione per missione epocale: «Abbiamo il compito di cambiare l’Italia e la cambieremo, di non mollare e non molleremo». Non mollare, mai! Era il motto di un’era non certo foriera di democrazia. Intanto, a Bologna, per garantire l’ordine pubblico, alla polizia si  ordina di  reprimere a manganellate un gruppo di cittadini – contestatori del “premier”. Sono a volto scoperto e non armati... Ma non son mica black bloc! Quindi - stavolta - si può fare!
 
A maggio – dicevamo – si ripete il rito coatto dei test Invalsi. E in concomitanza delle batterie di indovinelli, da anni lo sciopero è l’arma più efficace per decretarne il sicuro affossamento.
Il 5 maggio ci sarebbero dovuti essere quelli delle elementari. Ma c’è lo sciopero. Sciopero generale della scuola statale.
Perfino i sindacati più buonisti alla fine hanno dovuto prendere atto che il governo (amico?), tra un occhiolino a Confindustria e uno al Cupolone, non fa proprio gli interessi della scuola della repubblica, quella che non a caso la Repubblica ha posto a proprio organo costituzionale.
 
Sciopero generale, che botta! Stavolta il quizzone salta davvero!
Frenetiche le consultazioni per trovare un paravento. Ed ecco pronto l’ente Invalsi a far slittare la prova di due giorni. Ma non è attività antisindacale?
 
Al mercato dell’Invalsi
L’Invalsi, ente di diritto pubblico per la valutazione e la formazione, mezzo eccellente per addomesticare libertà d’insegnamento e d’apprendimento.
Restringendo col sistema dei quiz la preoccupazione sul risultato - a cui per altro sono legate carriere docenti e finanziamenti delle scuole - conterrà infatti sempre più l’orizzonte della coscienza critica che si nutre di pensiero problematico – riflessivo. Imbarazzante ed inutile per la massima flessibilità imposta dalla rigida legge del guadagno turbocapitalista.
Ecco quindi che proprio l’Invalsi sarà il cavallo di Troia per realizzare quella sistematica fluidificazione cognitiva che impedirà ogni consapevolezza critica per  riconoscere e contrastare la pauperizzazione umana e sociale  di cui si sarà artefici e vittime.
Questo spiega il crescente potere che si sta dando alla istituzione Invalsi, che sarà il perno dell’intero sistema formativo.
E che già quest’anno entrerà con una sua truppa selezionata a presidiare le classi durante lo svolgimento delle sue prove quiz di questo maggio.
Mai si era arrivati prima a tanta defezione dello Stato.
Una vera e propria occupazione delle scuole da parte di un ente terzo, con esautoramento di ruoli e funzioni istituzionali di Presidi, Docenti, e Personale della scuola tutto, ridotto a meri esecutori!
 
Un guizzo di dignità potrebbe...
Ma poiché le prove Invalsi, che non a caso i collegi dei docenti respingono, sono estranee alla  programmazione pedagogico-didattica, cosa accadrebbe se il docente continuasse a suo diritto a far lezione? E se si rifiutasse di far entrare nella sua classe gli appaltatori del quiz nella veste di “osservatori esterni”?
 
Sono passati pochi giorni dal 25 aprile e mi piace ricordare un episodio che riguarda il prof. Pilo Albertelli, Mazziniano, Azionista, Partigiano di Giustizia e Libertà, Martire delle Ardeatine.
Quando gli sgherri della repubblica sociale agli ordini delle SS si presentarono al liceo romano che ora porta il suo nome, il professore calmo disse loro: «Signori devo prima finire la mia lezione, è un mio diritto».
E quei signori aspettarono che il coraggioso professore di filosofia terminasse la sua lezione su Kant!
 
Oggi è un’altra storia, certamente! Siamo in democrazia!
Speriamo allora che quando si sentono le avvisaglie di certi soprusi lesivi della libertà d’insegnamento e di apprendimento, sigillo sacro della nostra Costituzione, essi restino soltanto una buffa commedia.

Maria Mantello
 
 

 
 

 
 





Tag: Liceo Dettori - docenti - informazione sindacale - diritti - lavoratori della scuola -






 Scrivi alla Redazione  Versione stampabile  Invia questa pagina